Rocca di Sala

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Oggi andiamo a scoprire la Rocca di Sala, la celebre rocca che sorveglia la città di Pietrasanta, in Versilia.

roccaok

Conosciuta anche con il nome di Rocca Ghibellina, questa fortificazione difensiva è a tutti gli effetti la testimone della storia e della vita a Pietrasanta per diversi secoli. Di origine longobarda, fu edificata attorno all’anno 1000 con funzione difensiva per proteggere il piccolo villaggio di Sala, nucleo della futura Pietrasanta. Era quindi già presente nel centro abitato quando Guiscardo da Pietrasanta, nobile milanese, decise di fondare l’odierna cittadina versiliese nel 1255.

rocca3

La rocca subì delle modifiche nel 1480 ad opera dell’architetto fiorentino Francesco di Giovanni, noto semplicemente come il Francione. Castruccio Castracani degli Antelminelli, condottiero e signore di Lucca appartenente alla potente famiglia Antelminelli, decise di potenziare la rocca facendo costruire anche la Rocca Arrighina, ampliamento della struttura situato a sud delle mura. Anche Paolo Guinigi (1376-1432), signore di Lucca, visse a lungo nella rocca.

roccavista

La rocca ha visto soggiornare alcune fra le più importanti personalità d’Europa come Carlo VII di Francia, Carlo V d’Asburgo e il granduca Cosimo I de’ Medici, che durante la sua permanenza a Pietrasanta firmò il decreto con cui concedeva a Benvenuto Cellini la casa di Via del Rosario a Firenze.

rocca1

Dopo aver ospitato per secoli sovrani, imperatori e persino papi, nel 1700 fu infine disarmata e venduta per ordine di Leopoldo I, all’epoca Granduca di Toscana. Oggi, dalla rocca possiamo ammirare uno stupendo panorama mentre ci immergiamo nella storia: sotto di noi vediamo la città di Pietrasanta, perla della Versilia amata da artisti internazionali, oltre al territorio circostante, che dalla cittadina va verso le frazioni marittime.

Immagini tratte da: Justsavour, Fototoscana.it, MuseodeiBozzetti, Flickr, Hotellabitta, Verisliahistorica.

 

Scopri le meraviglie di Lucca e provincia:

 

Lascia una risposta

Or