Il pancotto toscano: pane, pecorino e fantasia

Pancotto - Primi Emilia Romagna

L’Italia, si sa, vanta una tradizione gastronomica ben diversificata da regione a regione. Prodotti locali, metodi di preparazione e ricette cambiano radicalmente da città a città e questo è anche il bello della nostra cucina.
Ci sono però alcuni piatti che sembrano ricorrere nella tradizione popolare di diversi luoghi, spesso accomunati dalle stesse radici contadine.

Pancotto - Primi Emilia Romagna

Uno di questi piatti è il Pancotto, una minestra diffusa un po’ in tutta Italia che però conosce molte varianti a seconda della regione in cui la gustiamo. Noi ovviamente ci concentriamo sulla versione toscana, che ora andiamo a conoscere da vicino.

pecorino

Il Pancotto toscano, piatto povero e particolarmente adatto alle fredde sere d’inverno, ha come ingrediente base il pane raffermo. Per prima cosa si fa un soffritto a base di aglio, cipolla, carota, sedano e nipitella. Si versa poi il brodo o l’acqua, si aggiunge il pane raffermo fatto a pezzi, infine si completa il tutto con una grattugiata di pecorino e un filo d’olio.

Pouring olive oil isolated on white background

Certo, anche per il pancotto non mancano piccole differenze nel procedimento anche a livello toscano, ma ciò che conta è il cuore di questa ricetta semplice e gustosa: come ci insegnano le generazioni passate, possiamo preparare ottimi piatti senza buttare via nulla!

 

 

Scopri i migliori piatti della tua regione: 

 

 

 

 

Lascia una risposta

Or