Il Cardone o Gobbo di Lucca

cardiforno

Ortaggio tipico dell’inverno, il cardo è diffuso un po’ in tutta Italia. Anche se non sopporta le gelate più intense, l’inverno è di sicuro la sua stagione. Il Cardo Cynara Cardunculus (questo il nome scientifico) è facile da coltivare ed è caratterizzato da un sapore un po’ amarognolo, che lo rende adatto ad abbinamenti in cucina mai banali!

cardi2

Anche in Toscana troviamo una particolare varietà di questo ortaggio, noto come Cardone o Gobbo di Lucca. La parte edibile è di colore bianco, dalla consistenza molto tenera. Parente del carciofo, il cardo si presta a molteplici usi, non solo in cucina ma anche in altri settori: dal cardo si può ottenere la carta e in tempi antichi le sue infiorescenze venivano utilizzate per la cardatura della lana.

cardo1

Forse non tutti conoscono alcune ricette tipicamente davvero gustose per assaporare al meglio questo ortaggio. Noi vi suggeriamo un piatto a base di cardo tipicamente toscano, così da unire il sapore di un prodotto locale alla tradizione gastronomica della sua regione di provenienza (nel caso del Cardone di Lucca). La ricetta che vi proponiamo è quella del cardo in umido alla toscana, un contorno o secondo che arriva direttamente dalla cucina povera.

gobbi

Ingredienti

–  1 kg di cardi

– brodo vegetale

– salsa di pomodoro

– parmigiano grattugiato

– burro

Preparazione

Portate a ebollizione un pentola d’acqua salata. Dopo aver pulito con cura i cardi, tagliateli a pezzetti e lessateli. Scolateli, asciugateli e metteteli in una teglia. Cospargeteli con brodo e burro a tagliato a pezzetti. Infornate la teglia a 180 °C e cuocete per circa 20 minuti. Toglieteli dal forno e versateci sopra la salsa di pomodoro e il parmigiano. Passateli per qualche minuto ancora al forno, così da gratinarli.

cardiforno

 

Scopri i prodotti tipici della tua regione: 

 

 

Lascia una risposta

Or